Il Consorzio D.E.C.

Il Consorzio D.E.C. ( Distributori Edili Consorziati ) nasce il 26 Gennaio 2004.


Diversamente da altre aggregazioni di rivenditori edili, che hanno come unica missione aziendale la ricerca del prezzo più basso, il Consorzio D.E.C. si è posto fin dalla sua nascita obbiettivi molto semplici e insieme molto ambiziosi : il D.E.C. è stato creato per essere un grande Centro Servizi finalizzato a favorire la formazione dei soci, a fornire loro una redditività aggiuntiva e a facilitare il disbrigo del loro lavoro quotidiano.

 

In che modo il D.E.C. persegue la propria missione aziendale? Detto molto semplicemente, il D.E.C. si occupa di:

  1. FORMAZIONE – Il D.E.C. favorisce la attività di formazione dei propri soci, sia mediante incontri coi fornitori sia mediante una costante opera di informazione destinata ai propri soci. Non soltanto formazione relativa ai prodotti e alle tecniche costruttive, ma soprattutto formazione in merito alla gestione aziendale e alle prospettive del mercato. Formazione che si caratterizza come strumento e arma fondamentale per affrontare un mercato caratterizzato dalla prevalenza delle ristrutturazioni e dall’ingresso della Grande Distribuzione Organizzata;
  2. PREMI – Il D.E.C. distribuisce ai propri associati una massa di denaro di notevole rilevanza. Nel 2017 il D.E.C. distribuirà ai propri soci ristorni pari a € 8.100.000, corrisposti ai soci D.E.C. in quote trimestrali mediante assegno circolare ;
  3. PREZZI – Il D.E.C. favorisce la competizione interna tra i propri fornitori, e questo, congiuntamente al forte potere di acquisto del Consorzio, fa sì che i soci D.E.C. abbiano sempre condizioni di prezzo ottimali per lo svolgimento della loro attività;
  4. TUTELA CON I FORNITORI – Il D.E.C. interviene sistematicamente a tutela dei propri associati in caso di comportamento discutibile o scorretto da parte di un fornitore. Il numero degli associati, la forte copertura del territorio, la coesione e la capacità di acquisto del Consorzio sono tali da risolvere qualsiasi vertenza con il fornitore;
  5. INFORMAZIONI – Il D.E.C. fornisce ai propri una grande quantità di informazioni, sia attraverso l’area interna del proprio sito web ( area riservata agli associati, che contiene sia tutte le informazioni commerciali aggiornate in tempo reale sia un forum per la comunicazione tra gli associati ) sia attraverso un gran numero di comunicazioni e incontri zonali coi propri associati.

 

E come si svolge, nella pratica, il lavoro del D.E.C.?

  • STRUTTURA LEGGERA - Il D.E.C. ha una struttura leggera, e al tempo stesso molto ben definita. C’è un Consiglio di Amministrazione, che si compone di 7 soci e che viene rinnovato ogni 3 anni, che è diretta emanazione della Assemblea dei Soci. C’è un Direttore Generale, che è un dipendente del Consorzio, così come lo sono i 6 impiegati che lavorano nel D.E.C. e i 2 promoter. 
  • AFFIANCAMENTO DEL SOCIO - Il C.d.A., il Direttore Generale e le impiegate sono a completa disposizione degli associati.
  • INFORMAZIONI E COMUNICAZIONI - Il D.E.C. mette una grande quantità di comunicazioni e informazioni a disposizione del socio - e la scelta di costruire un portale come questo è precisamente tesa a fornire ai soci con un semplice click sia uno strumento di documentazione completa riguardo i fornitori sia uno strumento per rendere più agevole la comunicazione intra-consortile.
  • RAPPORTO COI FORNITORI - Il fornitore deve garantire disponibilità del prodotto, qualità, gamma, servizio, un giusto premio per il lavoro svolto e una collaborazione a 360°, il D.E.C. deve offrire ai propri fornitori volumi e pagamenti. Non si tratta dunque di fronti contrapposti, ma di veri propri alleati per una medesima missione aziendale, perché il Consorzio e i fornitori sono accomunati dal desiderio di vendere volumi soddisfacenti a marginalità adeguate.
  • TECNICHE VARIABILI DI GESTIONE DEGLI ACCORDI con i fornitori - Esistono merceologie che meglio si prestano alla fatturazione diretta dal fornitore al socio sulla base degli accordi quadro e altre merceologie che necessitano invece di una fatturazione Dec – in cui il Consorzio acquista dal fornitore e rivende ai singoli soci. Ovviamente la differenza tra l'acquisto Dec e il prezzo a cui i soci acquistano dal Dec entra, congiuntamente ai premi dai fornitori, nel monte ristorni.
  • INCENTIVI ECONOMICI come strumento di COESIONE - Il problema di molti consorzi è che non esiste una vera coesione fra i soci in termini di acquisto. Il DEC incoraggia la coesione mediante incentivi economici, distribuendo ogni 3 mesi premi molto rilevanti.
  • NESSUNA QUOTA ANNUA – Il Consorzio non ha bisogno di chiedere soldi ai propri soci, perché ogni associato porta un fatturato che il Direttore Generale converte in premi. E dunque nessuna tassa di ingresso, e nessuna quota annua, perché la struttura del D.E.C. si finanzia con una fetta dei premi, la cui percentuale decresce costantemente all’aumentare dei soci, e che comunque è di poco superiore all’1% del fatturato gestito

L'efficacia e la serietà del lavoro del Consorzio hanno portato all'attuale compagine di 193 associati. E il numero degli associati continua ad aumentare, rendendo ancora più ricca la nostra offerta di collaborazione rivolta all'operatore dell'edilizia all'interno delle regioni Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Piemonte, Sardegna, Toscana, Umbria, Valle d'Aosta e Veneto.